Caricamento

27° presepe vivente
di Giarratana

26/ 30 Dicembre
1/ 5/ 6 Gennaio

Il presepe

Il Presepe Vivente è il più importante appuntamento invernale di Giarratana e tra i più importanti del Natale Ibleo.

Ambientato tra la fine dell'800 e gli inizi del 900 rappresenta fedelmente la vita quotidina di quel tempo, riappropriandosi di luoghi e tradizioni ormai dimenticate.
Ed ecco, al calar della sera, al chiaror di lumi a petrolio e candele, animarsi vicoli, abitazioni e botteghe.

I Visitatori che accorrono numerosi, si inoltrano a gruppi lungo un percorso prestabilito nel quale i "quadri viventi" hanno appropriata cornice, ove i mestieri, i costumi, gli utensili domestici e gli attrezzi da lavoro sono rigorosamente originali dell'epoca.

Da questo mondo di umili e semplici, si sprigiona una sacralità che tocca il suo culmine nell'ultima scena, ambientata 2000 anni fa e rappresentata alla sommità dell'abitato fra i ruderi del Castello dei Marchesi Settimo, antichi Signori di Giarratana, popolarmente detto "U Castieddu".

Al contrario delle precedenti, la Natività è immobile, pura contemplazione. Scena che tutte le altre riassume. Da quassù, nel buio notturno che lì avvolge, il paese è tutto un palpitare di fiammelle, quasi presenza di un'umanità che ha accolto il mistero di Dio fatto bambino, non più visibile dietro mura e tetti cadenti, ma ormai parte intima di chi ha compiuto questo percorso in ascesa.